El Ceo dell’Eni e “il Paese dove fioriscono i limoni”

“HUB”: ECCO IL TERMINE CHE STA DIVENTANDO PIÙ LOGORO DI “SOSTENIBILE” E “RESILIENTE”

Dell’Italia “hub energetico per l’Europa” — ovviamente di tanti, tanti miliardi di metri cubi di gas — Claudio Descalzi già si autoproclama gran sultano. Però occorre un memento: “hub” porta sfiga. “Malpensa”, l’aeroporto di Varese, doveva essere parecchi anni fa lo hub aereo italiano. Neanche oggi, nonostante ormai da tempo ci sia il trenino di collegamento, che, a forza di pigolare “hub”, si erano dimenticati di realizzare. Non doveva essere hub dell’acciaieria l’Ilva di Taranto? Per non parlare, negli anni Settanta, del “Quinto centro siderurgico” o della “Liquichimica”, entrambi hub di colossali perdite per la spesa pubblica

Il commento di MASSIMO SCALIA

Su AppStore, GooglePlay e AppGallery Huawei sono partiti gli abbonamenti al magazine quindicinale. L’abbonamento può essere fatto anche dal sito che resterà accessibile a tutti. Alle nostre spalle non ci sono finanziatori (né finanzieri) travestiti da filantropi. Sin qui abbiamo messo sul tavolo l’unico capitale a nostra disposizione: il “capitale reputazionale”, dei promotori e degli autori che hanno accolto la sfida di difendere la dignità di un lavoro essenziale alla buona salute della democrazia. Svilito da editori dal braccino più corto della vista, con giornalisti ricattati da salari da fame, lettori senza diritti, opinione pubblica senza anticorpi

L’analisi di IGOR STAGLIANÒ

Ferruccio Parri jr avvocato, Carlo Ginzburg storico, Dacia Maraini scrittrice, Nadia Urbinati politologa, Giovanna Borgese fotografa, Corrado Stajano giornalista e scrittore, Carlin Petrini fondatore di Slow Food, Valerio Magrelli poeta, Ugo Mattei giurista, Salvatore Settis archeologo; per sottoscrivere e condividere l’appello sulla tua rete social clicca qui