Autore: Vittorio Emiliani

Direttore onorario - Ha cominciato a 21 anni a Comunità, poi all'Espresso da Milano, redattore e quindi inviato del Giorno con Italo Pietra dal 1961 al 1972. Dal 1974 inviato del Messaggero che ha poi diretto per sette anni (1980-87), deputato progressista nel '94, presidente della Fondazione Rossini e membro del CdA concerti di Santa Cecilia. Consigliere della RAI dal 1998 al 2002. Autore di una trentina di libri fra cui "Roma capitale Malamata", il Mulino.

Il vero elemento che divide e scatena gli speculatori è il paesaggio il quale nell’attuale formulazione approvata è, guarda caso, annacquato. La Costituzione ci ha consegnato una Repubblica parlamentare che, al più, poteva darsi una articolazione regionale, non però per funzioni fondamentali come l’assetto urbanistico e quindi paesaggistico. Ora siamo immersi…

Leggi

Ha soltanto 35 anni. È un esempio per tutti i giovani che vogliono essere “i volontari della libertà” come sta scritto su “L’Italia Libera” di quei mesi terribili, che vogliono contribuire a dare un posto all’Italia nella guerra di liberazione. Un ruolo di co-belligeranti che soprattutto Winston Churchill ci negherà ostinatamente.…

Leggi

Reinhold Messner ha condannato senza appello l’installazione di pale eoliche in montagna sostenendo, giustamente, che essa è un «patrimonio di tutti» e non va quindi sconciata. Una condanna per la quale va elogiato dopo tante esibizioni pubblicitarie sull’acqua minerale. Purtroppo le pale eoliche sono state e sono un autentico flagello…

Leggi

A cominciare da Gronchi, i presidenti della Repubblica hanno cominciato a giocare ruoli sempre più politici, sempre più interventisti. Sono stati modificati così i lineamenti di una Repubblica sempre meno parlamentare e sempre più — nei fatti — presidenziale o semi-presidenziale. Ma senza strutture costituzionali adeguate di supporto e di…

Leggi