Il tavolo della trattativa: Putin, il tampone di Macron e gli altri capi di stato e di governo

Della virtuale (speriamo) guerra russo-ucraina rimarrà un’unica immagine: il tavolo della trattativa diplomatica al Cremlino. Ciascuno ci può vedere quello che vuole. L’abissale distanza che un autocrate frappone tra sé e il resto del mondo. Oppure che l’ex agente Kgb possegga preoccupanti informazioni sullo stato di salute dei suoi ospiti. Ma la spiegazione reale mi ha aperto dei mondi quasi fantascientifici. La lunghezza del tavolo (solo la regina Elisabetta ne possiede uno più lungo, per il tè delle 5) era dovuta al rifiuto di Macron di farsi il tampone


Il pensierino di GIANLUCA VERONESI

Vladimir Putin e Emmanuel Macron: è dura guardarsi negli occhi da quattro metri di distanza, ma cosa non si fa per difendere la pace (e il rifornimento di gas) in Europa

NELL’EPOCA DELLA ipercomunicazione di massa quello che conta sono i simboli, il più delle volte sintetizzabili in una foto. Tanto per fare un esempio recente: Ursula von der Leyen in piedi e in imbarazzo di fronte all’accomodato sultano turco (e a quel gentiluomo di Charles Michel). Da cui eminenti politologi “ricavavano” la sottomissione della civiltà occidentale alla islamizzazione dilagante, il fallimento della parità di genere e la divisione all’interno delle istituzioni europee.

Della virtuale (speriamo) guerra russo-ucraina rimarrà un’unica immagine: il tavolo della trattativa diplomatica al Cremlino. Ciascuno ci può vedere quello che vuole. L’abissale distanza che un autocrate frappone tra sé e il resto del mondo (considerando che questi erano suoi pari grado, pensate la lontananza dal suo popolo …). Oppure che l’ex agente Kgb possegga preoccupanti informazioni sullo stato di salute dei suoi ospiti. Anche che il macho Putin — che ama farsi fotografare a torso nudo nella tundra innevata a caccia di orsi — sia ipocondriaco.

Ma la spiegazione reale mi ha aperto dei mondi quasi fantascientifici. La lunghezza del tavolo (solo la regina Elisabetta ne possiede uno più lungo, per il tè delle 5) era dovuta al rifiuto di Macron di farsi il tampone. Di primo acchito pensi: ma che maleducato! Poi ti spiegano che non ha voluto lasciare tracce della sua materia organica. E tu pensi: com’è educato! Che igienista! Invece il problema è che dal tampone potevi risalire al suo Dna e alla “impronta” della sua salute odierna e futura. Il Cancelliere tedesco invece si è sottoposto al tampone ma unicamente nelle mani di una dottoressa tedesca, medico dell’ambasciata tedesca, sull’aereo presidenziale che è territorio tedesco.

Il presidente russo saluta l’ospite in piedi, di fianco al celeberrimo tavolo bianco: solo la regina Elisabetta ne possiede uno più lungo, per il tè delle 5

Fin qui la Russia ci aveva abituati solo agli avvelenamenti in terra straniera di cittadini russi (preferibilmente Londra). Avversari politici e spie pentite. Evidentemente non hanno ancora raggiunto una tecnica e una preparazione sufficienti, per cui si fanno sempre scoprire, coinvolgono nell’attentato anche persone innocenti come i parenti, spesso falliscono l’obiettivo e quando riescono, la vittima patisce pene dell’inferno per settimane.

Altro che guerra batteriologica. Qui si prospettano le nuove frontiere del terrorismo. Siamo all’attentato “sanitario”. Conoscendo la predisposizione alle varie malattie dell’avversario e le sue percentuali di rischio, si può costruire una “cura” del predestinato che attivi le cause scatenanti dei suoi punti deboli. Oggi un potente della terra, un capo di stato già sa che gli hacker russi lo intercettano e conoscono ogni sua abitudine. Ma d’ora in poi dovrà pensare anche da che medico farsi visitare, se prendere la medicina prescritta, cosa mangiare e bere, come farsi un check-up sotto falso nome, evitare di chiedere il rimborso alla assicurazione sanitaria.

E pensare che io consideravo pura follia la decisione di Angiolina Jolie di operarsi al seno perché la “lettura” del suo Dna prevedeva — con una percentuale del 30% e intorno ai 50 anni — la probabilità di un tumore alla mammella© RIPRODUZIONE RISERVATA

Aiutaci a restare liberi

Effettua una donazione su Pay Pal

About Author

Si laurea a Torino in Scienze Politiche e nel ’74 è assunto alla Programmazione Economica della neonata Regione Piemonte. Eletto consigliere comunale di Alessandria diventa assessore alla Cultura e, per una breve parentesi, anche sindaco. Nel 1988 entra in Rai dove negli anni ricopre vari incarichi: responsabile delle Pubbliche relazioni, direttore delle Relazioni esterne, presidente di Serra Creativa, amministratore delegato di RaiSat (società che forniva a Sky sei canali) infine responsabile della Promozione e sviluppo. È stato a lungo membro dell’Istituto di autodisciplina della pubblicità.