11 corrispondenti di guerra: «La propaganda fa un’altra vittima eccellente, il giornalismo»

Per anni la guerra l’hanno toccata con mano, vissuta sul campo: con taccuini, macchine fotografiche e telecamere. Osservano con preoccupazione come la grande informazione racconta il conflitto armato in Ucraina. Denunciano l’urgenza di fornire analisi profonde per comprendere i fatti che si consumano sotto i nostri occhi. Mai più importante di oggi, inondati — come siamo — da un flusso ininterrotto di notizie: da verificare e da collocare nel loro contesto, sempre. Pubblicata dieci giorni fa sul quotidiano online “Africa ExPress”, è stata ignorata dal mainstream informativo: come volevasi dimostrare


La lettera di MASSIMO A. ALBERIZZI, REMIGIO BENNI, GIANPAOLO CADALANU, TONI CAPUOZZO, RENZO CIANFANELLI, CRISTIANO LARUFFA, ALBERTO NEGRI, GIOVANNI PORZIO, AMEDEO RICUCCI, ERIC SALERNO, GIULIANA SGRENA, CLAUDIA SVAMPA, VANNA VANNUCCINI, ANGELA VIRDÒ (*)

OSSERVANDO LE TELEVISIONI e leggendo i giornali che parlano della guerra in Ucraina ci siamo resi conto che qualcosa non funziona, che qualcosa si sta muovendo piuttosto male.

Noi siamo o siamo stati corrispondenti di guerra nei Paesi più disparati, siamo stati sotto le bombe, alcuni dei nostri colleghi e amici sono caduti durante i conflitti, eravamo vicini a gente dilaniata dalle esplosioni, abbiamo raccolto i feriti e assistito alla distruzione di città e villaggi.

Pierre Zakrzewski, cameraman irlandese di Fox News, ucciso in Ucraina 

Abbiamo fotografato moltitudini in fuga, visto bambini straziati dalle mine antiuomo. Abbiamo recuperato foto di figli stipate nel portafogli di qualche soldato morto ammazzato. Qualcuno di noi è stato rapito, qualcun altro si è salvato a malapena uscendo dalla sua auto qualche secondo prima che venisse disintegrata da una bomba.

Ecco, noi la guerra l’abbiamo vista davvero e dal di dentro.

Proprio per questo non ci piace come oggi viene rappresentato il conflitto in Ucraina, il primo di vasta portata dell’era web avanzata.

Siamo inondati di notizie ma nella rappresentazione mediatica i belligeranti vengono divisi acriticamente in buoni e cattivi. Anzi buonissimi e cattivissimi. Ma non è così. Dobbiamo renderci conto che la guerra muove interessi inconfessabili che si evita di rivelare al grande pubblico.

Inondati di notizie, dicevamo, ma nessuno verifica queste notizie. I media hanno dato grande risalto alla strage nel teatro di Mariupol ma nessuno ha potuto accertare cosa sia realmente accaduto. Nei giorni successivi lo stesso sindaco della città ha dichiarato che era a conoscenza di una sola vittima. Altre fonti hanno parlato di due morti e di alcuni feriti. Ma la carneficina al teatro, data per certa dai media ha colpito l’opinione pubblica al cuore e allo stomaco.

La propaganda ha una sola vittima: il giornalismo.

Chiariamo subito: qui nessuno sostiene che Vladimir Putin sia un agnellino mansueto. Lui è quello che ha scatenato la guerra e invaso brutalmente l’Ucraina. Lui è quello che ha lanciato missili provocando dolore e morte. Certo. Ma dobbiamo chiederci: è l’unico responsabile?

Scena della guerra in corso in Ucraina [credit Getty Images]

I media ci continuano a proporre storie struggenti di dolore e morte che colpiscono in profondità l’opinione pubblica e la preparano a un’inevitabile corsa verso una pericolosissima corsa al riarmo. Per quel che riguarda l’Italia, a un aumento delle spese militari fino a raggiungere il 2 per cento del Pil.

Un investimento di tale portata in costi militari comporterà inevitabilmente una contrazione delle spese destinate al welfare della popolazione.

L’emergenza guerra sembra ci abbia fatto accantonare i principi della tolleranza che dovrebbero informare le società liberaldemocratiche come le nostre. Viene accreditato soltanto un pensiero dominante e chi non la pensa in quel modo viene bollato come amico di Putin e quindi, in qualche modo, di essere corresponsabile dei massacri in Ucraina.

Noi siamo solidali con l’Ucraina e il suo popolo, ma ci domandiamo perché e come è nata questa guerra. Non possiamo liquidare frettolosamente le motivazioni con una supposta pazzia di Putin.

Notiamo purtroppo che manca nella maggior parte dei media (soprattutto nei più grandi e diffusi) un’analisi profonda su quello che sta succedendo e, soprattutto, sul perché è successo.

Questo non perché si debba scagionare le Russia e il dittatore Vladimir Putin dalle loro responsabilità ma perché solo capendo e analizzando in profondità questa terribile guerra si può evitare che un conflitto di questo genere accada ancora in futuro.

Finora sono già sei i giornalisti morti in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa

(*) 1 aprile 2022

Massimo A. Alberizzi ex Corriere della Sera
Remigio Benni ex Ansa
Giampaolo Cadalanu – Repubblica
Tony Capuozzo ex Tg5
Renzo Cianfanelli Corriere della Sera
Cristiano Laruffa Fotoreporter
Alberto Negri ex Sole 24ore
Giovanni Porzio ex Panorama
Amedeo Ricucci Rai
Eric Salerno ex Messaggero
Giuliana Sgrena Il Manifesto
Claudia Svampa ex Il Tempo
Vanna Vannuccini ex Repubblica
Angela Virdò ex Ansa

Il testo integrale è stato ripreso da Africa ExPress. Sul sito del giornale online si raccolgono le firme di adesione alla lettera degli 11 veterani.

About Author

Giornale digitale di informazione e partecipazione attiva