Locandina di “Esterno notte” diretto da Marco Bellocchio, al cinema la prima parte in questi giorni, la serie su Rai 1 in autunno; sotto il titolo, Fabrizio Gifuni interpreta Aldo Moro

Il pluripremiato regista ottantenne lo aveva già fatto nel 2003 con “Buongiorno, notte”, liberamente tratto da un libro scritto dalla brigatista Anna Laura Braghetti: raccontava la prigionia dello statista e i suoi angosciosi tentativi di convincere il governo a trattare per la sua liberazione. In “Esterno notte”, invece, al centro della narrazione non c’è Moro, perché la vicenda si sviluppa all’esterno della prigione e scandaglia le oscure trame dello scontro tra i tanti nemici interni ed esterni che lo vogliono morto e i pochi amici che lo vogliono salvare


La recensione di BATTISTA GARDONCINI

DOPO UN LEONE d’Oro alla carriera a Venezia, una Palma d’Oro onoraria a Cannes, e tanti altri premi nazionali e internazionali, Marco Bellocchio si è reinventato a 82 anni come regista di una serie Tv, e ci è riuscito splendidamente. “Esterno Notte”, sei puntate dedicate al rapimento di Aldo Moro ad opera delle Brigate Rosse, andrà in onda in autunno su Rai 1, ma in questi giorni sono arrivate nelle sale cinematografiche le prime tre puntate riunite in un unico film, mentre le ultime tre arriveranno a giugno. 

E vale davvero la pena di vederle grazie a una regia raffinata che non va mai sopra le righe ma graffia al momento giusto, e alla ottima interpretazione degli attori. Su tutti Toni Servillo nei panni di un sofferente Paolo VI, impegnato nel disperato tentativo di salvare la vita dell’amico Moro, interpretato da Fabrizio Gifuni. Bravi e convincenti anche Margherita Buy — Eleonora Moro — Fausto Russo Alesi — un nevrotico Cossiga — e Fabrizio Contri nei panni di un Andreotti luciferino quanto basta.

Toni Servillo (Paolo VI) e Fabrizio Gifuni (Aldo Moro) in una scena del film di Bellocchio

Non è la prima volta che Bellocchio si occupa del caso Moro. Lo aveva già fatto nel 2003 con “Buongiorno, notte”, liberamente tratto da un libro scritto dalla brigatista Anna Laura Braghetti, che raccontava la prigionia dello statista e i suoi angosciosi tentativi di convincere il governo a trattare per la sua liberazione. In “Esterno notte”, invece, al centro della narrazione non c’è Moro, perché la vicenda si sviluppa all’esterno della prigione e scandaglia le oscure trame dello scontro tra i tanti nemici interni ed esterni che lo vogliono morto e i pochi amici che lo vogliono salvare.

A suo tempo “Buongiorno, notte” ebbe un’ottima accoglienza dalla critica e dal pubblico, ma ricevette soltanto un premio minore dalla giuria di Venezia, che fu travolta dalle polemiche. A distanza di 19 anni “Esterno notte” è almeno altrettanto bello e coinvolgente, e dovrebbe mettere tutti d’accordo.

_____

L’autore dirige Oltreilponte.org

Giornalista, già responsabile del telegiornale scientifico Leonardo su Rai 3. Ha due figlie, due nipoti e un cane. Ama la vela, la montagna e gli scacchi. Cerca di mantenersi in funzione come le vecchie macchine fotografiche analogiche che colleziona, e dopo la pensione continua ad occuparsi di scienza, politica e cultura sul blog “Oltreilponte.org”.

-