La locandina del film di Riccardo Milani, ora nel circuito Netflix; sotto il titolo, una scena con Pierfrancesco Favino e Miriam Leone disabili innamorati in carrozzina

La trama di “Corro da te” è identica anche nei dettagli a quella di “Tutti in piedi”, che nelle sale italiane era arrivato quattro anni fa. Il ricco imprenditore Gianni, impenitente donnaiolo, finge di essere bloccato su una sedia a rotelle per sedurre Alessia, che si occupa di assistenza ai disabili. Ma alla fine si innamora della bella sorella di lei, Chiara, che disabile lo è davvero per un incidente di macchina. La loro relazione, tra menzogne e tenerezze, avrà un esito facilmente prevedibile. Entrambi i film hanno il merito di affrontare con delicatezza un argomento difficile come la disabilità, senza mai cadere nel patetico


La recensione di BATTISTA GARDONCINI

NON AMO I REMAKE, che di solito sono operazioni commerciali per riproporre sui mercati internazionali, con i volti noti delle stelle del momento, vecchi successi o film interessanti che hanno avuto una circolazione limitata ai paesi di produzione. Quasi sempre sono peggiori degli originali, privi di freschezza e diretti da mestieranti che affrontano l’impresa senza particolari entusiasmi.

Così ho esitato a lungo prima di guardare “Corro da te”, la versione italiana del successo francese “Tutti in piedi”, che Riccardo Milani ha realizzato con Pierfrancesco Favino, Miriam Leone e Piera Degli Esposti nella sua ultima interpretazione. Milani è un buon regista, che ho molto apprezzato per lo scoppiettante “Come un gatto in tangenziale” e un po’ meno per lo stanco sequel “Ritorno a Coccia di morto”. I protagonisti sono bravi, e il risultato alla fine si lascia guardare, ma non entusiasma, nonostante i lusinghieri risultati al botteghino e i due nastri d’argento al film e alla Leone.

Miriam Leone e Piefrancesco Savino in una scena del film di quasi due ore con qualche gigionesca di troppo

La trama di “Corro da te” è identica anche nei dettagli a quella di “Tutti in piedi”, che nelle sale italiane era arrivato quattro anni fa. Il ricco imprenditore Gianni, impenitente donnaiolo, finge di essere bloccato su una sedia a rotelle per sedurre Alessia, che si occupa di assistenza ai disabili. Ma alla fine si innamora della bella sorella di lei, Chiara, che disabile lo è davvero per un incidente di macchina. La loro relazione, tra menzogne e tenerezze, avrà un esito facilmente prevedibile. Il problema è che questo esito arriva dopo quasi due ore di film e qualche gigioneria di troppo, mentre l’originale francese era stato saggiamente contenuto nell’ora e mezza.

Entrambi i film, comunque, hanno il merito di affrontare con delicatezza un argomento difficile come la disabilità, senza mai cadere nel patetico. Merito soprattutto del regista e sceneggiatore francese Franck Dubosc, che del film originale era anche protagonista. © RIPRODUZIONE RISERVATA

_____

L’autore dirige Oltreilponte.org


La tua e la nostra libertà valgono 10 centesimi al giorno?


Aiutaci a restare liberi

Dona ora su Pay Pal

Giornalista, già responsabile del telegiornale scientifico Leonardo su Rai 3. Ha due figlie, due nipoti e un cane. Ama la vela, la montagna e gli scacchi. Cerca di mantenersi in funzione come le vecchie macchine fotografiche analogiche che colleziona, e dopo la pensione continua ad occuparsi di scienza, politica e cultura sul blog “Oltreilponte.org”.

-