La locandina del film di Scott Cooper in streaming su Netflix

Siamo a West Point nel 1830. Uno dei cadetti dell’Accademia Militare fondata pochi anni prima viene trovato impiccato, e al suo cadavere, ricomposto nell’obitorio, viene strappato il cuore. Per evitare lo scandalo gli ufficiali chiedono l’aiuto del famoso detective Augustus Landor, che si è ritirato in un cupo villino, e annega nell’alcol la tristezza per la morte della moglie e la scomparsa della figlia. Scott Cooper ha scelto di raccontare la storia accentuandone le caratteristiche gotiche con una fotografia crepuscolare, che un po’ fa rimpiangere l’assenza del grande schermo


La recensione di BATTISTA GARDONCINI *

A CHI AMA il cinema poliziesco ben costruito e ben recitato, con una spruzzatina di horror che tiene desta l’attenzione senza mai infastidire, consiglio “The Pale Blue Eye”, visibile in Italia su Netflix con il titolo meno evocativo, ma più esplicito, di “I delitti di West Point”.

Il regista Scott Cooper e l’attore Christian Bale avevano già collaborato in altri due film di un certo successo, “Il fuoco della vendetta” e il western “Hostiles”, e Bale si conferma qui come uno dei migliori attori in circolazione. Ma anche il resto del cast — tra gli altri ci sono Harry Melling, Gillian Anderson, Robert Duvall, Charlotte Gainsbourg e Lucy Boynton — si dimostra all’altezza della situazione.

Christian Bale (Augustus Landor) e Harry Melling (il cadetto Edgar Allan Poe) in una scena del film tratto da un romanzo di Louis Bayard

Siamo a West Point nel 1830. Uno dei cadetti dell’Accademia Militare fondata pochi anni prima viene trovato impiccato, e al suo cadavere, ricomposto nell’obitorio, viene strappato il cuore. Per evitare lo scandalo gli ufficiali chiedono l’aiuto del famoso detective Augustus Landor, che si è ritirato in un cupo villino, e annega nell’alcol la tristezza per la morte della moglie e la scomparsa della figlia. Lui, a sua volta ottiene la collaborazione del cadetto Edgar Allan Poe, poco ferrato negli studi militari, ma affascinato dall’esoterico e dotato di una mente assai brillante. Insieme affrontano una indagine complicata dalle reticenze della comunità e da un’altra morte atroce. E anche quando tutto sembrerà chiarito le sorprese non mancheranno.

“The Pale Blue Eye” è tratto da un romanzo con lo stesso titolo, scritto da Louis Bayard. Cooper ha scelto di raccontare la storia accentuandone le caratteristiche gotiche con una fotografia crepuscolare, che un po’ fa rimpiangere l’assenza del grande schermo. Molte scene notturne, girate alla pallida luce delle candele, e alcune di quelle diurne dominate dal bianco sporco della neve, meriterebbero una visione in sala. © RIPRODUZIONE RISERVATA

(*) L’autore dirige oltreilponte.org

Giornalista, già responsabile del telegiornale scientifico Leonardo su Rai 3. Ha due figlie, due nipoti e un cane. Ama la vela, la montagna e gli scacchi. Cerca di mantenersi in funzione come le vecchie macchine fotografiche analogiche che colleziona, e dopo la pensione continua ad occuparsi di scienza, politica e cultura sul blog “Oltreilponte.org”.