“Pensatori laterali”. Sarà più letale il Covid o il clismatico accanimento?

(Porkupine Charlie) — Dice un adagio che “i proverbi sono la saggezza dei popoli”. Da tanta gnomica originalità ne discendono, a cascata, molti altri. Uno recita che “chi cerca trova”. Ebbene, a forza di cercare di andare all’altro mondo un noto no vax austriaco c’è riuscito. Tale Johann Biacsics, noto per aver guidato alla fine di ottobre scorso a Vienna una grande manifestazione di scettici complottisti, ha reso l’anima con il clisma (no, non è un refuso) del suo dio, dopo essersi ammalato di Covid e aver preferito a tempestive cure ospedaliere una terapia da lui stesso messa a punto: dei catartici clisteri con un intruglio a base di biossido di cloro. Se non proprio uguale, anche per non rischiare violazioni del brevetto, il composto era molto simile a quello inventato dal demiurgo statunitense Jim Humble e chiamato Soluzione minerale miracolosa. 

     Humble, che pare sia ingegnere aerospaziale ed è ministro della Chiesa della seconda Genesi, vende (o ha tentato di vendere) online nei cinque continenti il suo prodotto, che lui asserisce essere la panacea del 21º secolo. Nel 2020, comunque, il biossido di cloro era stato raccomandato come altamente efficace anche dal celebre farmacologo Donald Trump, che a tempo perso guidava i destini del mondo dallo Studio ovale. Era stato però fermato dal medico Anthony Fauci, che per il suo disfattismo si era messo in urto col Capo e con parte dell’Amministrazione. 

     Tornando a Biacsics, la cui dipartita è avvenuta l’11 novembre scorso ma è filtrata solo nei giorni scorsi, dopo l’aggravamento delle sue condizioni la famiglia, pur appoggiandone incondizionatamente le ricerche cliniche, lo aveva fatto ricoverare in extremis in ospedale. Dopo due giorni, però, la sua forte fibra, forse provata dalla frequenza degli enteroclismi più che dal Covid, che come si sa “è solo una forte influenza”, ha ceduto. © RIPRODUZIONE RISERVATA

About Author

Giornale digitale di informazione e partecipazione attiva