Primi passi e prime spine per Draghi: sottosegretari e lotta al Covid tra pericoli e trabocchetti

Oggi Consiglio dei ministri. Reso difficile dalla carenza di vaccini, lo sforzo di combattere e battere in tempi brevi la pandemia viene frustrato da comportamenti irresponsabili di massa nelle giornate festive. Clamorosa folla di tifosi affluiti fuori dallo Stadio di San Siro per il derby calcistico Milan-Inter. Le spiagge romane e laziali gremite di gente a stretto contatto e senza mascherina, come il lungomare di Napoli. Poi arrivano i provvedimenti restrittivi e tutti protestano contro la zona rossa. Con i sottosegretari in arrivo, Salvini vuole già rimettere le mani sul ministero dell’Interno


Il commento di VITTORIO EMILIANI

¶¶¶ È un governo difficile questo di Draghi, non è di soli tecnici, non è di soli politici. Molti giornalisti − la categoria appare sempre meno adeguata alla complessità dei problemi − se le cavavano facendo “colore” e con Mario Draghi di colore, giustamente, ce n’è poco. Il minimo indispensabile. Imparerà anche lui a colorare di più le tavole dei suoi discorsi? Per ora è così.  È un grande tecnico da misurare come politico sui fatti concreti. La sua situazione non è per niente facile. Coi ministri complessivamente se l’è cavata, anche se il Pd ha commesso la gaffe di non promuovere neppure una donna. Coi sottosegretari sarà una partita più complicata e insidiosa. Già Matteo Salvini ha proclamato che agli Interni vuole due dei suoi per controllare che riprenda la linea “morbida” sugli sbarchi o comunque sugli ingressi da Est. Del resto lui e Giorgia Meloni sono potenzialmente i soli a fruire dell’affondamento di Draghi e di elezioni anticipate. Almeno per ora e in teoria.

I pericoli e i trabocchetti sono molti. Lo sforzo, già reso difficile dalla carenza di vaccini, di combattere e battere in tempi brevi la pandemia viene frustrato da comportamenti  irresponsabili di massa nelle giornate festive. Caso clamoroso quello della folla di tifosi affluiti fuori dallo Stadio di San Siro per il derby calcistico Milan-Inter pur sapendo di non poter entrare. Le spiagge romane e laziali si presentavano gremite di gente a stretto contatto e senza mascherina, come il lungomare di Napoli. Poi, quando arrivano i provvedimenti restrittivi, tutti a protestare contro la zona rossa.

Qualche giornalista dà pure la colpa a infettivologi e virologi spesso dissonanti fra loro. Chi segue attentamente dibattiti e interviste televisive sa bene che gli scienziati o gli operatori ospedalieri più accreditati (da Galli a Crisanti, a Viola) hanno sempre invocato misure severe. Invano, a quel che si constata dolorosamente in queste ore nelle grandi città, nelle zone turistiche o del tempo libero. E continuano ad invocarle vedendo queste folle, di giovani soprattutto, che bevono, brindano, mangiano a stretto contatto, girano senza mascherina di sorta, si abbracciano. Attenti perché le nuove varianti del virus colpiscono più i giovani degli anziani o di noi vecchioni.

Oggi si riunisce il Consiglio dei ministri. Draghi conferma certe chiusure generali comunicate in tempo, ma, insieme ad un numero più alto di vaccini, torna a valorizzare quei medici di base la cui rete è stata disarticolata da Maroni in Lombardia e indebolita seriamente quanto stupidamente in altre regioni. Come ha ben scritto su queste pagine Sauro Turroni per i tecnici delle infrastrutture, va ricostruita la rete di base sanitaria rivalutando come dovuto le competenze. ♦ © RIPRODUZIONE RISERVATA

____

Foto: in alto, folla di tifosi per il Derby Milan-Inter ieri fuori dallo Stadio di San Siro; in basso, giovani al bar nel week end

About Author

Direttore onorario - Ha cominciato a 21 anni a Comunità, poi all'Espresso da Milano, redattore e quindi inviato del Giorno con Italo Pietra dal 1961 al 1972. Dal 1974 inviato del Messaggero che ha poi diretto per sette anni (1980-87), deputato progressista nel '94, presidente della Fondazione Rossini e membro del CdA concerti di Santa Cecilia. Consigliere della RAI dal 1998 al 2002. Autore di una trentina di libri fra cui "Roma capitale Malamata", il Mulino.