Autore: Emilia Menicucci

Nata a Torino nel 1994, si è laureata a SciencesPo Bordeaux in Politiche internazionali, e poi a Torino in Politiche del Medio Oriente e del Nord Africa. Specializzata in analisi dei conflitti e geopolitica, ha lavorato per l’Undp a Tunisi e per l’Institut de Recherche et d'Enseignement sur la Négociation dell’Essec a Parigi. Amante dei viaggi (soprattutto se avventurosi) e della cultura mediterranea, ha avuto l’opportunità di conoscere e formarsi in diversi Paesi: Capo Verde, Inghilterra, Tunisia, Francia, Marocco. Ha una passione per il mare, la natura e la cucina, e sta seguendo dei corsi di formazione per la carriera diplomatica, il suo grande sogno.

Nonostante la sua transizione democratica sia considerata esemplare rispetto alle nazioni vicine, dalla caduta di Ben Ali il Paese nordafricano si dibatte tra un’economia che ristagna, la corruzione che dilaga e una profonda disillusione nei confronti dei partiti politici. La sospensione del Parlamento e del partito islamista maggioritario Ennahdha è…

Read More

Cresce la presenza femminile nei movimenti jihadisti come affermazione identitaria e generazionale, ricerca di appartenenza, espressione di un malcontento economico-sociale, violenze e ingiustizie subite. Essi hanno saputo presentarsi come difensori della frustrata identità arabo-musulmana di un Paese a cavallo di due mondi e come contropotere del corrotto Stato autoritario. La…

Read More