Langhirano è noto come centro di produzione del prosciutto di Parma. Questo non giustifica che, forti della notorietà del prodotto alimentare, si debba realizzare un grave “inquinamento edilizio” nel territorio adiacente al famoso castello costruito da Pier Maria Rossi nel 1400, noto in tutto il mondo come uno degli esempi più importanti dell’architettura castellare italiana. Qui il Comune vuole localizzare un prosciuttificio con sala degustazioni occupando 20 ettari di zona agricola intatta ma soprattutto danneggiando il paesaggio visivo (il cosiddetto “cono visivo paesaggistico”) del monumento storico


L’articolo di FRANCESCO MEZZATESTA

Campo su cui dovrebbe sorgere il prosciuttificio, occupando 20 ettari in area di tutela del castello

L’ITALIA È AFFETTA da una grave patologia ambientale, quella che Antonio Cederna chiamava “inquinamento edilizio” cioè la forma più grave di occupazione del suolo tramite costruzioni al posto sbagliato. A differenza di altri paesi europei dove la pianificazione territoriale è alla base di qualsiasi licenza edilizia, da noi non vi è separazione del diritto di edificare da quello di proprietà e i Comuni, in buona parte, si comportano da inquinatori edilizi permettendo spesso  di costruire a casaccio ovunque lo desiderino i cittadini-elettori. Un caso emblematico di insensibilità paesaggistica e ambientale lo sta proponendo il Comune di Langhirano in provincia di Parma. 

Langhirano è sì noto come centro di produzione del prosciutto di Parma ma questo non giustifica che, forti della notorietà del prodotto alimentare, si debba realizzare un grave “inquinamento edilizio”. Infatti, proprio nel territorio adiacente al famoso castello di Torrechiara, costruito da Pier Maria Rossi nel 1400 e noto in tutto il mondo come uno degli esempi più importanti dell’architettura castellare italiana, il Comune vuole localizzare un prosciuttificio con sala degustazioni e vista castello occupando 20 ettari di zona agricola intatta ma soprattutto andando a danneggiare il paesaggio visivo (il cosiddetto “cono visivo – paesaggistico”) dello storico monumento. Infatti, costruire al posto sbagliato in un campo situato in piena area di tutela del castello, significa creare disordine urbanistico danneggiando una zona di alto pregio rurale e paesaggistico intaccando un paesaggio unico anche tramite la realizzazione di strade di accesso, linee elettriche e tubature in spregio a una corretta pianificazione territoriale. 

Villetta sparsa autorizzata in precedenza con le varianti al Pac (Piano di sviluppo comunale) di Langhirano; tutte le foto che illustrano la pagina sono state scattate da Francesco Mezzatesta

«E dire», riferiscono il consigliere di opposizione Paolo Piovani (Insieme a sinistra per Langhirano) e Federica Di Martino (Indipendente), «che all’articolo 53 la Legge urbanistica regionale 24/17 dice chiaramente che per evitare consumo di suolo e la frammentazione di insediamenti produttivi i nuovi capannoni possono essere autorizzati solo in prossimità dello stabilimento principale mentre in questo caso l’area individuata che è tra Arola e Torrechiara dista ben 6 chilometri dallo stabilimento principale». Il Comune di Langhirano non è nuovo al rilascio di licenze nella zona prospiciente il castello trasformando i terreni da agricoli a edificabili. Recentemente con diverse varianti al Psc (Piano di sviluppo Comunale) è stata autorizzata la costruzione di villette la cui caratterizzazione principale sembra essere proprio la vista sul castello. 

Ancora una volta gli edifici vengono concepiti non vicino ai paesi o presso aree dismesse da ristrutturare come si dovrebbe fare, ma secondo la disponibilità dei vari proprietari di spazi agricoli liberi. In tal modo favorendo lo spread cementizio che occupa sempre più suolo e paesaggio. Alla protesta dei consiglieri di opposizione compreso il rappresentante della Lega Enrico Sicuri e l’astensione del consigliere Bonati in quota Pd si è aggiunta anche Europa verde di Parma, e le associazioni Legambiente, Italia Nostra e Pro Natura, mentre sta prendendo il via la costituzione di un Comitato per la tutela del Castello di Torrechiara. Ancora una volta cittadini e associazioni a cui sta a cuore il patrimonio storico e naturale devono mobilitarsi contro scelte che vanno contro l’interesse di tutti. © RIPRODUZIONE RISERVATA


La tua e la nostra libertà valgono 10 centesimi al giorno?


Aiutaci a restare liberi

Dona ora su Pay Pal

Medico e naturalista, nel 1970 iniziò a promuovere la crescita della Lipu di cui è considerato il “padre fondatore adottivo” occupandosene per oltre vent’anni. Nel periodo in cui il movimento ambientalista italiano era agli albori, creò il “Centro recupero rapaci” di Parma, un particolare “ospedale per uccelli rapaci feriti”, il primo in Italia. Per il suo impegno di “ambientalista storico “ ha ricevuto diversi riconoscimenti e premi tra cui l’”Airone d’oro” (1986) e l’”European Award for the Environment” (1987) ricevuto a Londra dal Principe Carlo. Nel 1991 è stato nominato dal ministro dell’Ambiente presidente della Commissione per la conservazione della natura. Divulgatore naturalista scrive articoli su temi legati alla tutela ambientale e ha pubblicato diversi libri relativi alla conoscenza della biodiversità e in particolare al riconoscimento degli uccelli e al comportamento dei cani. Oggi concentra la propria attività sulla difesa di rondini e rondoni.