Ci ha lasciati il decano dei giornalisti italiani. «Ciao Sergio», da vecchio ti facevi chiamare per nome

Sergio Lepri ha chiuso il “pezzo” a 102 anni e quattro mesi

Sergio Lepri, fiorentino, storico direttore dell’Ansa dal 1962 al 1990, è scomparso oggi a 102 anni. Riconosciuto maestro di un giornalismo che può considerarsi una specie in grave pericolo di estinzione. Assieme a un gruppetto di altri colleghi soprattutto dell’Ansa, gli ero molto affezionato. Lo sentivo per il compleanno e, fino allo scoppio della pandemia, lo si andava a trovare. Si emozionava quando ricordava la sua Laura, che lo aveva lasciato nel 2011 dopo 64 anni passati insieme, e quando sentiva Bella ciao. Di modi formali al tempo della redazione, nella estrema quanto lucida vecchiezza aveva deciso di adottare con tutti il “tu” di colleganza, anche con qualche giovanissimo giornalista che lo andava a intervistare. Non ha mai smesso di trasmettere ai più giovani la passione civile e il rigore professionale con cui ha intessuto sempre la sua presenza sulla scena pubblica


Il ricordo di CARLO GIACOBBE     

CHI FA IL GIORNALISTA da oggi è un po’ più solo. Ci ha lasciati Sergio Lepri, fiorentino, storico direttore dell’Ansa dal 1962 al 1990, riconosciuto maestro di un giornalismo che forse oggi può considerarsi una specie in grave pericolo di estinzione.

Laurea in Storia e Filosofia, dopo un breve periodo di insegnamento nella scuola pubblica e il militare durante la guerra, era entrato nella Resistenza. Si dichiarava agnostico e di fede politica repubblicana, ma aveva fatto il portavoce di Amintore Fanfani. Non era un fazioso e da capo della maggiore agenzia di stampa italiana non avrebbe mai penalizzato un orientamento politico a favore di un altro a lui più congeniale. Penso però che in privato si considerasse di centrosinistra. Col passare degli anni più “sinistra” che “centro”, credo. 

Il sonetto un po’ scoretto dedicato a Stefano Lepri da Carlo Giacobbe

Io, assieme a un gruppetto di altri colleghi soprattutto dell’Ansa, gli ero molto affezionato. Lo sentivo per il compleanno e, fino allo scoppio della pandemia, lo si andava a trovare. Si emozionava quando ricordava la sua Laura, che lo aveva lasciato nel 2011 dopo 64 anni passati insieme, e quando sentiva Bella ciao. Di modi formali al tempo della redazione, nella estrema quanto lucida vecchiezza aveva deciso di adottare con tutti il “tu” di colleganza, anche con qualche giovanissimo giornalista che lo andava a intervistare o ne chiedeva il parere in funzione di un saggio o una tesi di laurea. Quasi fino all’ultimo ha curato un blog e sbrigato la corrispondenza sulla posta elettronica. L’ultimo suo contributo dato alla stampa era stato il capitolo di apertura di “Pezzi di storia”, un libro collettivo che abbiamo scritto in una quarantina di colleghi, tutti appartenenti o appartenuti ad agenzie. 

Io, come sicuramente anche altri colleghi, sono davvero addolorato. Capisco però che a centodue anni e quattro mesi si abbia il diritto di chiudere il “pezzo”, come si dice in gergo. Non so se ci saranno funerali, cerimonie o commemorazioni, ora o in seguito. Comunque io non presenzierò. Non sopporterei l’epicedio, troppo spesso ipocrita, che verrebbe invariabilmente pronunciato da quelli che contano. Come il corifeo in capo, l’attuale presidente dell’Ansa (il nome non è fondamentale), che per ricordare il Maestro (che non ha mai avuto come collega) ha pensato bene di parlare quasi solo dei propri trascorsi. Io Sergio preferisco ricordarlo con un sonetto che gli avevo dedicato dopo il compimento dei cento anni. So che gli aveva fatto piacere. Oggi di questo debbo accontentarmi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Aiutateci a restare liberi

Effettua una donazione su Pay Pal

About Author

Mi divido tra Roma, dove sono nato, e Lisbona, dove potrei essere nato in una vita precedente. Ho molte passioni, non tutte confessabili e alcune non più praticabili, ma che mai mi sentirei di ripudiare. In cima a tutte c'è la musica, senza la quale per me l'esistenza non avrebbe senso. Non suono alcuno strumento, ma ho studiato canto classico (da basso) anche se ormai mi dedico (pandemia permettendo) al pop tradizionale, nei repertori romano, napoletano e siciliano, e al Fado, nella variante solo maschile specifica di Coimbra. Al centro dei miei interessi ci sono anche la letteratura e le lingue. Ne conosco bene cinque e ho vari gradi di dimestichezza con altrettante, tra vive, morte e, temo, moribonde. Ho praticato vari generi di scrittura; soprattutto, ma non solo, saggi e traduzioni dall'inglese e dal portoghese. Per cinque anni ho insegnato letteratura e cultura dei Paesi lusofoni alla Sapienza, mia antica alma mater. Prima di lasciare, con largo anticipo, l'Ansa e il giornalismo attivo, da caporedattore, ho vissuto come corrispondente e inviato in Egitto, Stati Uniti, Canada, Portogallo, Israele e Messico. Ho appena pubblicato “100 sonétti ‘n po’ scorètti", una raccolta di versi romaneschi. Sono sposato da 40 anni con Claudia e insieme abbiamo generato Viola e Giulio