Una delle tre litografie su carta contenute nel volume “Gilgamesh”, Edizioni della Bezuga, Firenze; un “Libro d’artista” di cui vediamo sotto il titolo il frontespizio del volume [credit Edizioni della Bezuga]
L’opera lirica in due atti del cantautore siciliano eseguita a Roma nel 1992 è praticamente sconosciuta. Meriterebbe di venire riscoperta e riproposta dalla rete culturale radiofonica del servizio pubblico radiotelevisivo


L’appello di VITTORIO EMILIANI

IL COMPOSITORE FRANCO BATTIATO vorremmo ricordarlo per due esibizioni rare. Entrambe romane in sedi particolarmente qualificate. Una a Santa Cecilia dove inaugurò una serie di concerti di cantautori fra cui De Gregori e come conclusione The Boss cioè Bruce Springsteen. L’altra al Teatro dell’Opera dove rappresentò una sua composizione lirica dimenticata, Gilgamesh. Questa è praticamente sconosciuta e meriterebbe di venire riscoperta e riproposta dalla rete culturale radiofonica della Rai Radio 3. Crediamo che Andrea Montanari sia senza dubbio sensibile al tema e a lui per questo ci rivolgiamo, fiduciosi di trovare ascolto. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Direttore onorario - Ha cominciato a 21 anni a Comunità, poi all'Espresso da Milano, redattore e quindi inviato del Giorno con Italo Pietra dal 1961 al 1972. Dal 1974 inviato del Messaggero che ha poi diretto per sette anni (1980-87), deputato progressista nel '94, presidente della Fondazione Rossini e membro del CdA concerti di Santa Cecilia. Consigliere della RAI dal 1998 al 2002. Autore di una trentina di libri fra cui "Roma capitale Malamata", il Mulino.

-