Il virus è stato un moltiplicatore delle prevaricazioni in casa: il 70 per cento superiore allo stesso periodo del 2019